Associazione Italiana Latto-Intolleranti

Intolleranza al lattosio; lattosio; intolleranti al lattosio; informazione; rubriche; nutrizione

FAQ

D: Buongiorno, mio figlio di 7 anni ha da poco eseguito il Breath test, risultato positivo. Innanzi tutto volevo ringraziarvi per le energie che dedicate per essere un importante punto di riferimento per chi, come me, si avvicina al problema dell’intolleranza al lattosio per la prima volta. Come tanto ho cercato in rete informazioni e consigli ma i dubbi sono ancora tanti. Ad esempio, ho letto che il formaggio “Asiago” può essere considerato a basso contenuto di lattosio: ma ciò è vero anche per l’asiago fresco o solo per quello stagionato? Ho poi letto che anche il mascarpone può essere idoneo per un intollerante basta che non sia stata aggiunto latte per renderlo più cremoso: ciò che vuol dire che se tra gli ingredienti trovo solo “crema di latte e non “latte” (come effettivamente succede per alcuni tipi di mascarpone) posso considerarlo ok? Grazie.

R: Buonasera, mi dispiace molto per suo figlio, quando sono così piccoli è anche più difficile fargli capire cosa possono e non possono mangiare. Per rispondere alle sue domande l’asiago sicuramente stagionato, ma se possible meglio sostituire con l’emmental, il mascarpone in piccole quantità può essere sopportato chiaramente senza aggiunta di latte. Ad esempio una porzione di tiramisù con pavesini e non savoiardi può essere mangiata, basta non esagerare. Le consiglio però di far fare una dieta povera o ancora meglio esente da lattosio per almeno tre mesi per disintossicarlo. La informo anche che la dose massima che una persona intollerante può assumere di lattosio quotidianamente è 10 gr, senza sentirsi male.

D: Buongiorno, sono una ragazza di 24 anni e da qualche giorno ho scoperto l’intolleranza al lattosio, dopo sette lunghi mesi di disturbi. Subito dopo l’esito del Breath test ho cercato in rete informazioni su questa intolleranza, trovando molti pareri riguardo ai cibi contenenti lattosio ma aumentando in me i già moltissimi dubbi in materia. Trovando la vostra associazione ho trovato però un punto di riferimento molto importante e volevo cogliere l’occasione per porgere alcune domande. In rete ho letto che il lattosio è contenuto in moltissimi cibi, oltre ai latticini e i cibi contenenti latte e derivati, E’ vero? Quali cibi sono a rischio e devo controllare? E’ vero che alcuni tipi di verdura come broccoli e spinaci contengono lattosio? Su altri siti ho letto che il lattosio viene spesso utilizzato come conservante, come posso capire se un determinato cibo contiene o è senza lattosio se non è scritto in modo esplicito? Ci sono ingredienti o conservanti che contengono sicuramente lattosio?

R: Buongiorno, si purtroppo il lattosio viene utilizzato come conservante in molti cibi, oltre ai cibi contenenti latte e derivati. Ti consiglio di leggere sempre l’etichetta dei prodotti che acquisti, perché le ricette cambiano di continuo e non è possibile ad oggi avere un prontuario con la lista di alimenti che si possono mangiare, come per i celiaci, però stiamo lavorando su questo. Inoltre ti consiglio nel primo periodo dopo la diagnosi di seguire una dieta senza lattosio per qualche mese e dopo di integrare pian piano con qualche alimento che lo contiene in bassa percentuale in modo da avere il giusto apporto di calcio. Per quanto riguarda la verdura non ci sono problemi, perché il corpo umano può tollerare fino a 5-10g di lattosio al giorno, quindi i tipi di verdura che hai menzionato contengono solo qualche traccia. Inoltre esistono alcune aziende che hanno messo in produzione un’apposita linea di prodotti senza lattosio dove puoi trovare mozzarelle, stracchino, latte e panna da cucina, ecc. Comunque sul nostro sito ci sono menzionate queste aziende e puoi trovare qualche ricetta per fare dolci in casa visto che trovare dolcini buoni è difficile! Anche i farmaci contengono il lattosio come eccipiente, soprattutto quelli in pasticca.

D: Egregia dott.ssa, ho scoperto da poco che mia figlia di 10 anni è intollerante al lattosio da lì ho eliminato tutti i prodotti che lo contengono persino i medicinali. Stamani sono andato all’ASL per informarmi se avevo diritto a qualche sgravio visto che i prodotti che non contengono lattosio sono i medesimi venduti per i celiaci. Mi è stato risposto che mia figlia non essendo neonata non ha diritto a nulla, perchè secondo loro basta che non beva latte che la cosa è risolta, a mio avviso non è così ! Cosa posso fare eventualmente se c’è la possibilità per avere diritto a qualcosa?

R: Gentile Signore, le scrivo in qualità sia di presidente dell’associazione sia di soggetto intollerante al lattosio, purtroppo non ho buone notizie da darle in merito alla sua domanda. Per i soggetti intolleranti al lattosio ancora non esistono leggi che ci tutelano, di conseguenza nemmeno riconoscimenti da parte dell’ASL, come invece esistono per i celiaci. Questa associazione nasce appunto sia con l’obiettivo primario di diffondere e far conoscere questo tipo di intolleranza sia con l’obiettivo di riuscire ad essere tutelati dalle istituzioni. Il consiglio personale che posso darle é quello di acquistare prodotti non per celiaci visto il costo elevato, ma di cercare prodotti con la dicitura “senza latte e derivati” oppure “senza lattosio” tra quelli presenti al supermercato, costano comunque di più rispetto ai prodotti “normali”, ma hanno prezzi più accessibili.

D: Buonasera, per le aziende è obbligatorio scrivere la presenza di lattosio anche se in piccolissima parte? E se troviamo il classico caso che ci indica la probabile presenza di latte, uova o noci perchè prodotto in uno stabilimento che ne usa, come dobbiamo comportarci ? Escludiamo a prescindere questi prodotti dalla nostra spesa?

R: Buongiorno, le aziende sono obbligate a scrivere per legge qualsiasi ingrediente presente all’interno del prodotto. Inoltre la scritta “può contenere tracce di latte o derivati” che si trova ormai su ogni alimento che non contiene latte o derivati, ma prodotto in uno stabilimento che utilizza come materie prime latte o derivati per produrre altri alimenti, è un modo con cui l’azienda si tutela, poichè in caso di problemi (da contaminazione) non ne sono responsabili. Ciò nonostante questi prodotti non sono da escludere dalla dieta. Le scrivo sia in qualità di membro dell’associazione sia in qualità di soggetto intollerante al lattosio, quindi per esperienza personale questi prodotti si possono acquistare.

Annunci

41 commenti su “FAQ

  1. Fausto
    novembre 13, 2014

    D .Buonasera , il medico che ha fatto il briktest a mio figlio , ha raccomandato di assumere il Lactigest anche per gli alimenti con presenza di lattosio sotto lo 0,0 .E giusto così ? C’è presenza di lattosio nei succhi di frutta in brik ? Saluti.Fausto

  2. Buongiorno Fausto,
    si di solito quando si esegue il breath test e l’esito è positivo, il medico e/o il gastroenterologo consiglia il lactigest o Silact (sono i più diffusi) per assumere alimenti contenenti lattosio. E’ stato anche per me così. Il mio consiglio, ma che ha trovato un largo riscontro anche in altri intolleranti al lattosio e in specialisti, è quello di escludere totalmente il lattosio per almeno sei mesi dalla diagnosi in modo da ripristinare una buona flora intestinale, sicuramente alterata dopo aver assunto per lungo tempo lattosio. Io personalmente le consiglio di evitare anche prodotti con la scritta senza lattosio, ossia inferiore allo 0.01% per questo periodo e di cercare di evitare di prendere l’integratore, per lo stesso motivo. So che per un bimbo non è per niente facile, ma solo così potrà star meglio. Un altro consiglio è di fare anche il test genetico, perchè in età così piccolo è difficile una forma secondaria, a meno che non abbia avuto o abbia attualmente alte patologie che coinvolgono l’apparato intestinale. Rimango a disposizione per qualsiasi altra informazione.
    Saluti, Maria Sole Facioni.

    P.S. Per quanto si riguardano i succhi di frutta solitamente no, ma ce ne sono alcuni con base di latte. LEGGERE sempre bene le etichette!!

  3. Paolo
    dicembre 17, 2014

    Buongiorno,
    esistono sostentamenti economici per intolleranti al lattosio o “buoni spesa” come accade per i celiaci?
    Potremmo eventualmente portare avanti qualche richiesta di gruppo tramite questo sito?

    Complimenti e grazie

    • Buongiorno Paolo,
      purtroppo no, ma sicuramente è uno dei nostri obiettivi principali. Certo che possiamo portare avanti questa richiesta. Se ci vuole proporre qualche idea noi siamo a disposizione.
      Grazie per l’interessamento e per i complimenti!

  4. marco
    dicembre 19, 2014

    Buongiorno,
    è possibile che l’assunzione nell’arco di due ore di 10 compresse di Mylicon compresse (come preparazione ad una ecografia addominale per ridurre il meteorismo) mi abbia provocato una forte nause e palpitazioni a distanza di quasi 18 ore dall’assunzione? La cosa si è ripetuta esattamente nello stesso modo a distanza di 10 giorni per na seconda ecografia.
    Le forti nausee e malessere si sono tutte e due le volte risolte nel giro di circa 1 ora.
    Non ho avuto diarrea ma al contrario stipsi.
    Aggiungo che da quando, 20 giorni, sto assumendo un paio di compresse al giorno, ho sporadiche nausee pomeridiane (durata 20 minuti.
    Tutti gli accertamenti diagnostici effettuati sono negativi.
    Non ho mai effettuato test di intolleranza al lattosio anche perchè di solito non assumo latticini o derivati.
    Solo da un paio di anni avevo smesso di bere latte al mattino peerchè mi provocava (a distanza di 15 minuti circa) una scarica di feci non formate.
    Grazie
    Marco

    • Buongiorno Marco,
      ho controllato e le compresse di Mylicon contengono lattosio (326,15 mg) e 10 compresse sono più di 3 grammi di lattosio, è una discreta quantità per una persona intollerante al lattosio. Per farsi un’idea, 5 grammi equivalgono a 100 ml di latte! Ora però non posso dire che è il suo caso, perché non ha mai effettuato un test per diagnosticare questa intolleranza. E’ difficile dirlo così.
      La stipsi è uno dei sintomi dell’intolleranza al lattosio, non solo diarrea, dipende dal proprio organismo, è molto soggettivo. Come le palpitazioni, altro sintomo che mi è stato fatto presente e provato personalmente.
      Dire che non si assume latticini e derivati è un po’ riduttivo, poichè il lattosio è contenuto in molti altri alimenti. Può provare a fare il breath test, almeno possiamo escludere o meno un’eventuale intolleranza al lattosio.
      Saluti,
      Dott.sa Maria Sole Facioni

  5. Francesca
    febbraio 23, 2015

    Buongiorno. Mi rivolgo a voi perchè ho un dubbio. Tra una settimana mi recherò in ospedale per il Breath Test ma è già da parecchi mesi che per mio scrupolo ho eliminato parecchi se non la totalità degli alimenti contenenti lattosio. Questo può incidere sul risultato? Devo reintrodurre l’alimento o continuo così? Grazie.
    Francesca.

    • Buonasera Francesca,
      grazie per averci chiesto un parere. Oltre a seguire una determinata dieta il giorno antecedente all’esame, è consigliabile non eliminare gli alimenti che contengono lattosio, poichè il test potrebbe dare come esito un falso negativo. Inoltre ci sono una serie di farmaci che non sievono assumere nei giorni prima di fare il test. Le è stata consegnata una lista al momento della prenotazione del test?

  6. Francesca
    febbraio 23, 2015

    Buonasera e grazie per la risposta! Si, mi hanno specificato che non dovevo assumere antibiotici, lassativi o fermenti lattici da un mese. Nient’altro giusto? Io è da settembre che non assumo lattosio o meglio la stra grande maggioranza degli alimenti. Fare l’esame lunedì assumendo per soli 5 giorni lattosio funzionerà lo stesso? Grazie Francesca.

    • A livello di farmaci questi. La reazione è molto soggettiva e fisiologica. Secondo me dovrebbe riassumerlo, premetto che non sono un medico quindi le suggerisco di chiamare prima. Personalmente anche io lo avevo eliminato, ma me lo hanno fatto reintrodurre per poi fare il test ed avere un risultato attendibile. In più anche la sera prima e la mattina del test deve seguire determinate regole.

      • Francesca
        febbraio 24, 2015

        Il mio medico mi ha detto che non fa nulla se è da un po che non assumo lattosio perché quel giorno me ne daranno molto da bere e ci si accorge subito della reazione. Boh speriamo bene e che non ci sia un falso negativo …

  7. Consuelo
    marzo 7, 2015

    Buongiorno, volevo sapere se esistono buoni per acquistare prodotti senza lattosio in quanto hanno un prezzo elevato a confronto di prodotti normali.
    Grazie mille

  8. sara
    aprile 25, 2015

    Buongiorno,
    è normale che da quando ho fatto il breath test (due settimane fa) da cui sono risultata intollerante, sono peggiorati i sintomi e qualsiasi cosa mangio mi si gonfia ancora di più la pancia, forte nausea ecc.? Il periodo di disintossicazione quanto dura? In tale periodo devo evitare anche il latte, yoghurt e formaggi anche se senza lattosio?
    Grazie

    • Buonasera,
      la sua flora batterica deve riassestarsi quindi è abbastanza normale, il periodo di disintossicazione dura almeno 3 mesi ed in tale periodo è fortemente consigliato evitare anche i prodotti senza lattosio.

      • sara
        aprile 27, 2015

        mi scusi,leggevo su internet che i fermenti lattici, in questo periodo iniziale aiutano. In alcuni forum consigliano Enterolactis plus, ma Le chiedo cortesemente conferma che non contiene lattosio e che pertanto una persona che come me, ha un’intolleranza forte, può assumerlo.

  9. Si solitamente viene consigliato di assumere dei fermenti lattici nel periodo di disintossicazione che aiutano a riequilibrare la propria flora batterica intestinale, in alcuni casi associati anche ad una terapia antibiotica. Non contiene lattosio Enterolactis plus capsule, comunque per sicurezza legga sulla scatola. Di solito è che esegue il breath test che consiglia questa terapia, nel suo caso non è stato cosi?

  10. sara
    aprile 27, 2015

    purtroppo no, mi sono arrangiata leggendo informazioni sul vs sito e su internet. sulla scatola e nel foglio illustrativo purtroppo non c’è scritto nulla

  11. Laura
    giugno 10, 2015

    Gentilissimi,
    ho effettuato ieri il mio primo breath test dopo anni di mal di pancia e esami negativi. Non ho avuto ancora modo di parlare con il medico, in ferie per i prossimi giorni. I risultati però mi sembrano chiari: dopo 150 minuti l’H2ppm era a 140. Non trovo nulla online che confermi la mia intolleranza ma non penso ci siano dubbi in merito. Me lo potete confermare?

    • Gentile Laura,
      solitamente sotto i 20 ppm si ritiene negativo, quindi sembra essere positivo. Il parere del medico confermerà le analisi.

      • Laura
        giugno 10, 2015

        La ringrazio.
        Laura

  12. Gabriella
    luglio 13, 2015

    Salve ho ritirato da pochi giorni il risultato del breath test e il risultato è un moderato malassorbimento di lattosio dovuto da deficit da lattasi il mio medico ha detto che devo definitivamente eliminare il lattosio però ho un dubbio essendo un malassorbimento moderato posso lo stesso mangiare cibi contenenti lattosio? E se devo fare lo stesso il periodo di disintossicazione perchè non mi è stato detto nulla su questo. Grazie.

    • Buonasera Gabriella,
      deve comunque fare un periodo di disintossicazione eliminando tutto ciò che contiene lattosio anche in tracce in modo da ripristinare la sua flora batterica e non avere problemi gastrointestinali, l’esito del suo test è comunque positivo (sopra 20 ppm).

    • Buonasera Gabriella,
      deve comunque fare un periodo di disintossicazione eliminando tutto ciò che contiene lattosio anche in tracce in modo da ripristinare la sua flora batterica e non avere problemi gastrointestinali, l’esito del suo test è comunque positivo (sopra 20 ppm).

  13. Simona Nocera
    luglio 15, 2015

    Buongiorno,
    vorrei avere alcune informazioni perchè e da poco che ho scoperto di essere intollerante, e problemi gastrici acuti.
    1. Quanto tempo ci vuole che si ripristina il funzionamento della pancia e le feci tornano solide?
    2. é meglio che per un lungo periodo non mangio nenache i formaggi stagionati o quelli senza lattosio?
    3. ho letto che il lattosio c’è nella carne, nel pane e nei prodotti da forno?non li mangio?
    Non è verò che c’è scritto tutto sull’etichetta, nei legumi in barattolo c’è il lattosio ma sull’etichetta non c’è scritto.Come mi regolo se non lo scrivono?
    Grazie
    Cordiali saluti

    • Buonasera Simona,

      prima di tornare a condizioni normali è necessario effettuare il periodo di disintossicazione che varia da 3 a 6 mesi, dopo di ciò dovrebbe star meglio poiché la sua flora batterica dovrebbe essere ripristinata. Dico dovrebbe poichè la durata del periodo è molto soggettiva, c’è a chi basta meno e a chi di più.

      In questo periodo è vivamente consigliato non assumere prodotti senza lattosio (delattosati), poichè anche piccole tracce possono creare fastidi ed interferire con il periodo di disintossicazione, quindi è consigliato assumere prodotti vegetali.

      Nella carne non c’è lattosio, inoltre pane e prodotti da forno possono contenerlo ma non tutti, quindi può mangiare quelli dove non è riportato tra gli ingredienti.

      Non so di che legumi parla, ma per legge tutti gli ingredienti devono essere obbligatoriamente riportati in etichetta, quindi se non compare nella lista degli ingredienti (lattosio, latte e derivati) significa che non è presente.

      grazie per averci contattato.
      Cordiali saluti,
      AILI

  14. Eleonora Beggi
    agosto 27, 2015

    Salve mi chiamo Eleonora,
    da circa 2 mesi ho tolto il lattosio dalla mia alimentazione e ho avuto molti benifici fisici. Ora vorrei fare le dovute analisi per capire la gravità dell’intolleranza. Quindi la mia domanda è:
    essendo 2 mesi che evito di ingerire lattosio, facendo le analisi posso capire se c’è un’intolleranza o prima delle analisi devo reintegrare il lattosio nella dieta?
    Grazie mille.
    Cordiali saluti, Eleonora

    • Buonasera,

      per esperienza è meglio che reintegri il lattosio, altrimenti potrebbe avere come risultato un risultato falsato.
      Il test comunque non serve a dare un livello di intolleranza, lo si è o meno.
      Cordiali saluti,
      AILI

  15. Riccardo
    ottobre 5, 2015

    Buonasera, dopo un intervento di plastica Anti reflusso, quindi sull’addome ho cominciato ad avere meteorismo, flautolenza, feci molli etc, esclusa ogni causa chirurgica il medico mi ha fatto fare il breath risultato però negativo, valori tra 0 e 1. Tuttavia persistente la sintomatologia il medico mi ha spiegato che il risultato può essere falsamente negativo poiché in pratica vado in bagno da più di 10 anni con l’ausilio quotidiano di microclismi di glicerina e clisteri. Risulta anche a voi? Inoltre vorrei sapere se nei primi mesi bisogna escludere anche i formaggi superstagionati. Grazie

    • Buonasera Riccardo,
      si concordiamo con il parere del medico. Si nelle prime settimana è meglio limitare l’uso dei formaggi anche molto stagionati.

      • Riccardo
        novembre 29, 2015

        Buonasera ho tolto i latticini e va meglio tuttavia se bevo caffe ho comunque fastidio addominale, è dovuto al fatto che l’intestino è ancora irritato dal lattosio?

      • Si Riccardo, potrebbe essere dovuto questo.

  16. Stefano
    ottobre 14, 2015

    Buongiorno,
    sono intollerante al lattosio con sindrome del colon irritabile. Sto facendo una cura antibiotica che ovviamente sta peggiorando l’equilibrio intestinale. Il gastroenterologo mi aveva prescritto l’integratore Zirgò ma costa tantissimo, voi potete consigliarmi un integratore simile ma che abbia un prezzo più accessibile? Sono andato in due farmacie e non ne avevano idea 🙂 Grazie infinite per il vostro lavoro, ho scoperto tantissime cose grazie a voi.

    Stefano

    • Buongiorno Stefano, di seguito alcuni di quelli in commercio. Per il prezzo non ne siamo sicuri di quale sia il più basso. Grazie per i complimenti!
      Prolife Lattosio Zero
      Enterolactis plus
      New Ferzym Plus
      Prolife 10 Miliardi

      Presti attenzione anche all’antibiotico, che può contenere lattosio.
      Saluti

  17. Paola Secchi
    ottobre 30, 2015

    Buongiorno qualche mese fa dopo mesi di dofferenza (crampi allo stomaco, mausee costanti, perdita di peso e scariche liquide) mi hanno prescritto delle analisi per intolleranze. Il risulato è che sono altamente intollerante al lattosio. Lavorando nel campo alimentare so di per certo che per chi doffre di celiachia può richiedere la detrazione per gli alimenti senza glutine cui è stata fatta richiesta al ministero della salute. Mi sa dire se anche per l’intolleranza al lattosio esiste questa possibilità? Ringrazio e attendo gentile riscontro

  18. Federica
    novembre 10, 2015

    Buonasera, io ho scoperto la mia intolleranza ormai circa un anno fa con il breath test.:.ho seguito una dieta per almeno sei mesi di totale esclusione….ora ogni tanto provo ad assaggiare qualcosa tra i prodotti delattosati o un po di parmigiano..è possibile che ogni tanto io accusi ancora sintomi intestinali anche nei giorni in cui non mi sembra di aver assaggiato niente con lattosio? L’intestino rimane forse facilmente irritabile e a volte presenta comunque sintomi anche con altri alimenti o se mangi un pò “disordinato”? Vi chiedo inoltre: è opportuno in ogni caso fare periodicamente una cura con i fermenti lattici? Ringrazio e attendo vostri consigli

  19. Riccardo
    dicembre 6, 2015

    Grazie per la gentile risposta, quindi in linea generale gli alimenti solitamente più irritanti su un intestino provato da anni di lattosio sono comunque da limitare sino ad un completo ristabilimento di una condizione intestinale più favorevole? Ci sono esperienze o evidenze scientifiche in tal senso? Grazie per la vostra consueta gentilezza

  20. Daniela
    dicembre 11, 2015

    mia figlia ha 9 anni, da quattro mesi ha flautulenza e eruttazione intensa ogni giorno con qualche episodio di diarrea 1 o 2 volte al mese. vivo in Olanda e qui le hanno eseguito test urine, sangue e feci per due volte con esito per fortuna negativo, ma non le hanno fatto eseguire il semplice breath test. Leggendo il vostro sito lei rientra esattamente in tutti i sintomi da voi descritti. Da circa un mese dalla dietista le é stata prescritta una dieta per intestino irritabile con eliminazione di glutine, lattosio, e molti altri cibi. Dopo circa un mese ha avuto due giorni di quasi benessere ( ma ancora eruttazione , scarsa) precipitati nuovamente dopo aver mangiato uno yogurth minus L.
    Ipotizzando una intolleranza al lattosio, puó un prodotto definito senza lattosio ( ma in realtá con aggiunta di lactase) scatenare nuovamente una reazione acuta?
    Grazie per il vostro lavoro, e tutte le utili informazioni!

  21. Daniela
    dicembre 11, 2015

    Buongiorno, mia figlia ha 9 anni, da quattro mesi ha flautulenza e eruttazione intensa ogni giorno con qualche episodio di diarrea 1 o 2 volte al mese. Vivo in Olanda e qui le hanno eseguito test urine, sangue e feci per due volte con esito per fortuna negativo, ma non le hanno fatto eseguire il semplice breath test. Leggendo il vostro sito lei rientra esattamente in tutti i sintomi da voi descritti. Da circa un mese dalla dietista le é stata prescritta una dieta per intestino irritabile con eliminazione di glutine, lattosio, e molti altri cibi. Dopo circa un mese ha avuto due giorni di quasi benessere ( ma ancora eruttazione , scarsa) precipitati nuovamente dopo aver mangiato uno yogurth “lactofree”(Minus L).
    Ipotizzando una intolleranza al lattosio, puó un prodotto definito senza lattosio ( ma in realtá con aggiunta di lactase) scatenare nuovamente una reazione acuta?
    Grazie per il vostro lavoro, e tutte le utili informazioni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: