Associazione Italiana Latto-Intolleranti

Intolleranza al lattosio; lattosio; intolleranti al lattosio; informazione; rubriche; nutrizione

Integratori di Lattasi

Per gli intolleranti al lattosio esistono degli integratori, ovvero gli integratori di lattasi (l’enzima mancante) che se assunti poco prima dell’ingestione dell’alimento contenente lattosio permettono di digerire quest’ultimo. Ma non fanno miracoli, non si può abusarne e non curano l’intolleranza al lattosio!

Sono utili per concedersi uno strappo alla regola o quando non siamo sicuri di ciò che ci attingiamo a mangiare.

Il dosaggio dipende sia dall’integratore, ossia da quante unità enzimatiche contiene (più ne hanno più lattosio permettono di digerire), sia dal proprio organismo. E’ possibile prendere più di una compressa insieme, ma LEGGERE BENE E ATTENERSI alla posologia indicata sulla confezione e/o sul foglietto illustrativo.

NON necessitano di prescrizione medica.

La durata d’azione dell’enzima non è fissa, è soggettiva, dipende dal proprio tempo di svuotamento gastrico che a sua volta dipende da vari fattori come se il cibo è solido o liquido, dalla combinazione degli alimenti, dal tipo di alimento se ricco di grassi o di zuccheri o di carboidrati, dalla propria velocità di masticazione, dall’acidità di stomaco e dalla motilità intestinale ecc.

N.B. La lista completa di integratori di lattasi e l’elenco di enzimi coadiuvanti la digestione sono redatti da AILI in collaborazione con Farmadati Italia Srl ed è un servizio offerto ai nostri soci sostenitori.

Di seguito alcuni degli integratori disponibili in commercio:

  • Digerlat è un integratore alimentare che contiene l’enzima lattasi e microrganismi vivi di Lactobacillus acidophilus, un microrganismo probiotico capace di colonizzare il tratto gastrointestinale e produrre l’enzima lattasi. Digerlact si propone anche di diminuire la gravità dell’intolleranza al lattosio, e quindi è consigliato assumere 1 capsula ogni mattina, per favorire la colonizzazione dell’intestino da parte di L. acidophilus e 1 capsula ogni 3,3 g di lattosio (65 ml di latte). Si consiglia l’assunzione di prodotti contenenti lattosio dopo 10 giorni dall’inizio del trattamento. Senza glutine. (http://www.bgtitalia.it/index.php?p=digerlat.txt&sm=prodserv&l=it)
  • Lacdigest* è un integratore in compresse da assumere poco prima del pasto; la posologia deve essere adattata caso per caso in funzione della gravità dei sintomi dovuti all’intolleranza al lattosio ed alla quantità di lattosio ingerito. La posologia abituale è la seguente: adulti e bambini sopra i tre anni di età, 1 compressa masticabile ogni 5 g di lattosio ingerito (equivalente a circa 100 ml di latte). Se i sintomi persistono, il dosaggio può essere aumentato. Non bisogna assumere più di 6 compresse come dose unica e di 12 compresse come dose giornaliera. Le compresse vanno masticate, od ingerite intere, subito prima di mangiare o bere il cibo contenente lattosio. (ulteriori info su http://www.paginesanitarie.com/skfarmaci/monografia%20di%20lacdigest%2050cpr%20mast%202250u.htm)
  •  Lactoint è un integratore alimentare, efficace per favorire la digestione del lattosio. Le capsule sono gastroprotette (acido-resistenti) e sono composte dall’enzima beta-galattosidasi (Lattasi), ottenuto dalla fermentazione del fungo Aspergillus su maltodestrine, dal caolino, sostanza inerte derivata da un silicato contenuto nelle argille, e dalla fibra di acacia. In particolare la Fibra di Acacia, viscosa, assorbe acqua ed aumenta il peso e volume della massa fecale a livello dell’ intestino cieco, riducendo la stitichezza. La posologia deve essere adattata caso per caso in funzione della gravità dei sintomi e della quantità di lattosio ingerito. Si assume 1 Capsula di Lactoint (circa 16 gr di lattosio equivalenti a ca 350 ml di latte) da assumere intera (senza masticare) un’ora prima del pasto contenente lattosio. (http://anti-aging.myblog.it/media/02/01/2693270074.pdf)
  • Silact, integratore in gocce è stato sostituito da Silact Fast* in compresse.

* Farmaci da banco, gli altri sono tutti integratori alimentari.

Attenzione a non eccedere il dosaggio prescritto dal medico e/o descritto nel foglietto illustrativo.

Annunci

18 commenti su “Integratori di Lattasi

  1. Monia
    gennaio 10, 2014

    Salve, vorrei sapere se qualcuno ne fa uso e se questi prodotti vanno assunti sotto controllo medico. Il mio Dottore non me ne ha mai parlato e quindi sono curiosa di ascoltare le esperienze di chi ne fa uso. grazie.
    Monia

    • Buongiorno,
      Personalmente ne faccio uso già da qualche anno. Io uso lacdigest, mi è stato prescritto dal gastroenterologo che ha eseguito il Breath test, una volta positivo.
      Rimango a disposizione per qualsiasi altra informazione.
      Saluti,
      Maria Sole Facioni

      • fabio
        aprile 25, 2014

        ciao, uso il lacdigest da qualche mese, mi trovo bene, anche se cerco di evitare il lattosio, ho una forte intolleranza, io ne prendo una ad ogni pasto ed aumento la dose se mangio lattosio, cmq il dosaggio è molto personale.
        p.s non necessita di prescrizione medica, è di libera vendita, si tratta solo di un integratore

      • elia
        dicembre 16, 2014

        buona sera, ho 46 anni e da circa 4 anni tramite il breath testo ho avuto la conferma a molti sintomi e disturbi che avevo.
        ma anche se eliminando o riducendo gli alimenti ho visto che la situazione non è cambiata, anzi, con l’avanzare degli anni c’è stato un peggioramento.
        sto cercando suggerimenti e indicazioni.
        grazie.

      • Buongiorno, le ho inviato una mail di risposta sia a questo commento sia alla sua mail.

  2. Giuliano
    gennaio 13, 2015

    Ho 32 anni, sono intollerante al lattosio, escludendo tutto il lattosio la situazione non cambia. E da 6 anni che sono intolerante è la situazione peggiora invece di migliorare. Cerco dei suggerimenti da voi. Buona serata

  3. Nicola Olivieri Passeri
    maggio 3, 2015

    io ho usato sia lacdigest (utile e pratico) sia lactoint(credo sia meglio anche se un po più scomodo). premesso che le ho comperate senza prescrizione e la mia intolleranza non è forte, fortunatamente
    ho alcune domande:
    Se prescritte hanno lo stesso costo?
    il lactoint dice di assumerle 1 ora prima ma quale è la sua fascia di tempo, da? a?
    cioè mezzora basta si o no? unora e mezza è troppo?
    grazie

    • Salve Nicola, Hanno lo stesso costo.
      La fascia di tempo è soggettiva, dipende dal proprio tempo di svuotamento gastrico che a sua volta dipende da vari fattori come se il cibo è solido o liquido, dalla combinazione degli alimenti, dal tipo di alimento se ricco di grassi o di zuccheri o di carboidrati, dalla propria velocità di masticazione, dall’acidità di stomaco e dalla motilità intestinale ecc.
      Personalmente assumo un integratore di lattasi massimo 15 minuti prima e l’effetto mi dura per circa un’ora/un’ora e mezzo.

  4. Stefano
    luglio 26, 2015

    Buon giorno, per un uso saltuario, un cappuccio e brioche con crema o un dolce cremoso con amici vanno bene tutti o ce n’è uno più adatto magari che non contenga altre porcherie?
    Grazie
    Ho provato elgasin senza aver avuto riscontri particolari

    • Buongiorno Stefano,
      se assume l’integratore di lattasi in giuste quantità prima del pasto può mangiare cibi contenenti latte e derivati, però il giusto dosaggio è abbastanza soggettivo. Sul foglietto illustrativo solitamente sono riportate le unità enzimatiche contenute nell’integratore, più ne ha più permettono di digerire lattosio.

  5. Francesca
    ottobre 2, 2015

    Buongiorno, per mia figlia fortemente intollerante al lattosio mi era stato consigliato di darle 2 gocce di SILACT (appunto in gocce) prima dell’assunzione del lattosio. Ad ora ho sempre semplicemente evitato di darle alimenti contenenti lattosio. Ma ho acquistato il silact perchè domani è invitata all’ennesima festa di compleanno e per una volta avrei voluto farla mangiare come gli altri.
    Ma sul bugiardino del silact c’è scritto che va aggiunto “al latte per trasformare il lattosio ivi contenuto etc etc…”, per cui sembra che l’uso non sia quello indicatomi a suo tempo dalla suddetta dottoressa.
    Onde evitare di far star male mia figlia, qualcuno di voi mi sa dire se il silact funziona anche come mi aveva indicato la dottoressa oppure se ho buttato via 25 euro di prodotto (viso che mia figlia consuma il latte accadì quindi già delattosato ed con una percentuale di lattosio decisamente minore di quella che “promette” il silact.
    Grazie infinite a chiunque possa aiutarmi
    Francesca

    • Ciao Francesca, lo puoi usare anche come ti ha detto la dottoressa, presta però attenzione al dosaggio, purtroppo è soggettivo. Sul bugiardino c’è scritto quanto copre una goccia di silact. Va comunque assunto poco prima del pasto contenente lattosio.

      • Francesca
        ottobre 7, 2015

        grazie 🙂

  6. giusy nisi
    ottobre 8, 2015

    Io sono intollerante al lattosio ma come sintomo ho solo un enorme gonfiore addominale cosa posso prendere affinche’ non si sgonfi un po ‘ ?

    • Sicuramente seguire una dieta priva di lattosio e assumere fermenti lattici (privi di lattosio). Inoltre ci sono anche rimedi naturali per ridurre il gonfiore, come tisane A base di menta e finocchio, oppure il carbone, anche aumentare il consumo di alimenti ricchi in fibre. Questi sono esempi, per informazioni dettagliate può chiedere al suo medico.

  7. Lidia
    ottobre 21, 2015

    Buonasera, sono una madre intollerante al lattosio e da quando sono rimasta incinta ho eliminato tutti i cibi contenti lattosio dalla mia dieta. Prima della gravidanza prendevo caolat prima di mangiare fuori di casa, ade esempio cene da amici, feste ecc. La ginecologa mi aveva detto di non assumerlo in gravidanza, perché non testato, e così ho fatto. Adesso sto allattando e mi chiedevo se è possibile assumere qualche tipo di integratore di lattasi in questa situazione. Non sono riuscita a trovare indicazioni a riguardo. Voi sapete se è possibile assumerli in allattamento? Dopo 2 anni di dieta vorrei ricominciare a mangiare qualcosa di normale. Potete aiutarmi a risolvere questo dilemma?
    Grazie

    • Buonasera Lidia, gli integratori di lattasi vanno a colmare (almeno parzialmente) il deficit dell’enzima che sarebbe normalmente presente a livello intestinale. L’enzima così reintegrato non viene assorbito ma rimane nel lume intestinale e svolge lì la sua funzione per poi essere espulso con le feci. Ad oggi non sono stati segnalati particolari effetti avversi.
      Data però la delicatezza del periodo della gravidanza, soprattutto nel primo trimestre, è importante che in quella fase ogni tipo di medicinale e/o integratore da assumere venga concordato con il ginecologo di riferimento. Nel periodo dell’allattamento, invece, non vedrei particolari problemi. Per ulteriori informazioni può leggere questa scheda del prodotto: http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/Lacdigest.asp#axzz3q2DI08jf
      In ogni caso, ne parli anche con il suo medico ed il pediatra che potranno supportarla nella scelta. Saluti.

Rispondi a Lidia Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: