Associazione Italiana Latto-Intolleranti

Intolleranza al lattosio; lattosio; intolleranti al lattosio; informazione; rubriche; nutrizione

Gli ADDITIVI…Conosciamoli meglio!

Gli additivi sono delle sostanze che vengono aggiunte agli alimenti per soddisfare alcune esigenze tecniche e sono raggruppati in base alla funzione che svolgono una volta aggiunti al cibo, ad esempio coloranti, stabilizzanti, addensanti, gelificanti, antiagglomeranti, agenti che modificano la lucentezza, gas d’imballaggio e propellenti. Alcune volte vengono aggiunti per eccitare le papille gustative e far venire una maggiore voglia di mangiare: è il caso ad es. dell’E-621 o *Glutammato monosodico (si nasconde anche con altre denominazioni) che è un esaltatore di sapidità; questo può dare una dipendenza pari alla nicotina o droghe pesanti. Le sostanze che normalmente non sono consumate come alimento o che non sono dei tipici ingredienti degli alimenti, sono classificati come additivi.

Nell’Unione Europea (EU), vi sono tre direttive che stabiliscono la lista degli additivi che si possono utilizzare (escludendo gli altri), gli alimenti in cui essi si possono utilizzare e la quantità massima. Gli additivi considerati sicuri per l’utilizzo nel cibo sono contrassegnati da una sigla: E-numero (E per Europa), che è anche un modo semplice e conveniente per etichettare gli additivi permessi nei diversi Paesi Europei, ma non sempre la sigla E-xxx è sinonimo di sicurezza.

additivi

 Coloranti

Come dice il nome servono per dare un colore agli alimenti, sono sia di origine animale che sintetici.

Stabilizzanti

Molti alimenti contengono una miscela di olio e acqua (emulsione). Nelle miscele vi sono sostanze chiamate emulsionanti, che permettono all’acqua e all’olio di mischiarsi assieme. Gli stabilizzanti sono utilizzati in alimenti quali la maionese e i gelati per evitare che le varie sostanze si separino e così mantenere le proprietà fisiche e la composizione dei cibi. Tra i più comuni agenti stabilizzanti ci sono la farina di semi di carruba (E410) e gli alginati (E-400-404).

Addensanti

Gli addensanti vengono aggiunti agli alimenti liquidi per aumentarne la viscosità, e generalmente sono costituiti da carboidrati (ad es. E-464). Gli addensanti a base di carboidrati rendono più densi i liquidi durante la cottura, quando i granuli di amido di cui i carboidrati sono composti assorbono l’acqua e rigonfiano. Questo processo causa l’intrappolamento di molecole d’acqua da parte dei granuli d’amido causando l’addensamento dei liquidi. Gli addensanti sono aggiunti ad una discreta quantità di cibi, compresi salse e sughi.

 Agenti Gelificanti

Gli agenti gelificanti sono utilizzati per addensare e stabilizzare alimenti liquidi, e per aggiungere consistenza. Il loro scopo è molto simile a quello degli addensanti ma gli agenti gelificanti formano gelatina.  Sono generalmente costituiti da proteine o carboidrati che formano una rete tridimensionale all’interno del liquido. Questo crea un alimento unico, che ha un aspetto solido, ma è composto per la maggior parte del liquido, ad esempio le gelatine, le marmellate e le confetture. Tra gli agenti gelificanti troviamo la pectina (E-440) e i carragenani (E-407).

Agenti Antiagglutinanti

Gli alimenti granulari o in polvere sono predisposti ad assorbire l’umidità, appiccicandosi e formando degli agglomerati. Questo ne rende molto difficoltoso l’uso poiché non possono essere pesati, sparsi o miscelati uniformemente. Le sostanze antiagglutinanti rivestono le particelle alimentare e assorbono l’eccesso di umidità. Uno degli agenti agglutinanti più utilizzati è il silicato di calcio (E-552), utilizzato per prevenire l’agglutinazione del lievito e del sale.

Agenti Glassanti

Gli agenti glassanti si usano per rendere brillantelucido e protettivo il rivestimento degli alimenti, quali confetturefrutta e prodotti da forno. Gli agenti glassanti comuni sono la cera d’api (E-901), la cera di Carnauba (E-903) e gli acidi grassi (E-570).

Gas d’Imballaggio

I gas d’imballaggio sono utilizzati per modificare l’atmosfera in cui sono confezionati gli alimenti per controllare la stagionatura inibendo le alterazioni chimiche ed evitandone il deterioramento. Questo si ottiene utilizzando una tecnica nota come Confezionamento in Atmosfera Modificata, per cui l’aria all’interno dell’imballaggio è sostituita da una miscela di gas puri, esempio ossigeno(E-948), anidride carbonica (E-290) e azoto (E-941). Miscele di anidride carbonica e azoto possono inibire la crescita di molti micro-organismi, possono essere utilizzati per ridurre il deterioramento batterico di carne e pesce; le combinazioni di anidride carbonica e ossigeno possono aiutare a prevenire le alterazioni di colore delle carni rosse.

Propellenti

I contenitori pressurizzati di aerosol sono utilizzati per distribuire i prodotti alimentari fluidi sotto forma di liquidi, schiuma o spray. L’uso dei propellenti fornisce la pressione necessaria per forzare l’alimento fluido fuori dalla bomboletta. I propellenti più comunemente utilizzati sono l’azoto, l’ossido nitroso e l’anidride carbonica.

Gli additivi hanno quindi un ruolo funzionale ma, come spesso succede, per motivi economici o di praticità succede che ne vengano utilizzati di dannosi o non ben graditi dall’organismo.

Ciascuna delle categorie sopra elencate ne include un gran numero e, fra questi, troviamo quelli più naturali, quelli intermedi e quelli veramente dannosi per noi.

Le diverse legislature fra stati impediscono di fatto un effettivo controllo (che rimane sulla carta) ed il povero consumatore deve approntarsi per conoscere ed evitare le insidie.

Per concludere e non prolungarsi troppo, faremo un post in cui creeremo un elenco degli additivi da evitare, alcuni tra i più dannosi e purtroppo abbondantemente utilizzati, il loro subdolo modo di azione, come vengono mascherati cambiando nomi e quali effetti deleteri provocano al nostro benessere soprattutto alla nostra salute (come il *Glutammato monosodico e l’Aspartame).

Annunci

2 commenti su “Gli ADDITIVI…Conosciamoli meglio!

  1. Pingback: GLI ADDITIVI…CONOSCIAMOLI MEGLIO! Un nuovo articolo della nostra rubrica “Intolleranza in Salute” | Associazione Italiana Latto-Intolleranti

  2. Pingback: GLI ADDITIVI…CONOSCIAMOLI MEGLIO! Un nuovo articolo della nostra rubrica “Intolleranza in Salute” | Associazione Italiana Latto-Intolleranti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: